Non per un dio ma nemmeno per gioco, Luigi Viva

“Non per Dio ma nemmeno per gioco” è la b9788807815805_quartaellissima ed emozionante biografia di uno dei più grandi cantautori italiani di tutti i tempi. L’infanzia di “Bicio”, come veniva chiamato dai suoi famigliari, nella cascina di Revignano d’Asti; lo zio Francesco reduce dal campo di concentramento che sarà d’ispirazione per molti dei personaggi delle sue canzoni. Si passa poi all’adolescenza a Genova, l’avvicinamento alla musica, l’essere libero e ribelle assieme ai suoi due amici inseparabili, la scoperta del sesso e la relazione con la prostituta di Via del campo, l’amicizia con Luigi Tenco e Paolo Villaggio e finalmente il successo. Infine arriveranno gli episodi più tristi: la Sardegna, il sequestro, e alla fine la malattia. Per arricchire questa commovente storia ci saranno delle testimonianze di famigliari, amici e colleghi musicisti.

Devo ringraziare mio padre e soprattutto l’audiocassetta dell’album “Rimini”, che ho letteralmente consumato fin da bambino, per avermi fatto scoprire Fabrizio De André. Quando si è piccoli alcuni testi delle canzoni non si comprendono appieno ma rimaniamo incantati dalla musica e dalla voce del cantante, infatti per De André è successo esattamente questo. Più avanti, crescendo, ho recuperato il resto della sua discografia e per merito di questo libro ho scoperto la vita, oltre la musica di questo poeta-musicista immortale che rimarrà per sempre nel cuore e nei ricordi della gente.

Precedente Banditi di Sardegna, Franco Fresi Successivo La biblioteca degli incubi. La luce della notte, D.J. MacHale