Il paradiso spezzato, John Ralston Saul

Bangkok. John Field, il protagonista di questa storia dopo tanti anni si è abituato a questa città e alla sua follia:  prostitute ancora bambine, droghe di ogni tipo, intrighi, omicidi. Dopo tanti delitti John ormai ci ha fatto il callo, fino a quando la sua ex amante e suo marito non vengono uccisi. A questo punto inizieranno a susseguirsi fatti drammatici che porteranno John, suo malgrado, in un’ avventura fatta di oppio, politica e corruzione. Lo scrittore John Ralston Saul ha viaggiato in tutto il mondo, vivendo in prima persona la guerriglia in Nord Africa, la guerra in Birmania e in Thailandia.
Infatti grazie a questi viaggi ha potuto trarre spunto per creare i suoi romanzi. Qualche volta le parti iniziali dei libri, con le presentazioni dei personaggi, le ho trovate un po’ pesanti, mentre in questo caso invece accade tutto il contrario, la presentazione del protagonista attraverso le sue azioni quotidiane, l’interazione con i personaggi, la lotta con il suo problema fisico e soprattutto la descrizione di questo paesaggio esotico che è Bangkok, mi hanno catturato talmente tanto sin dalla prima pagina che è come se stessi camminando per le strade di questa città assieme al protagonista. Dopo le prime 100 pagine la storia si trasforma in un Thriller avventuroso colmo di intrighi, violenza ed erotismo. Una storia dove il nostro eroe divide il posto da protagonista con Bangkok stessa.

VOTO: 7

Precedente Il quadro maledetto, Fabrizio Santi Successivo Il miniaturista, Jessie Burton