Nessuno sceglie il mio destino, Amjed Qamar

Non il solito libro su quanto sia difficile essere donna in un paese come il Pakistan, perché oltre i classici stereotipi sui musulmani c’è un altro tipo di società nascosta agli occhi del mondo
. La società in cui le donne si spaccano, letteralmente, la schiena per le loro famiglie mentre i mariti stanno a casa ad oziare. E’ questa la storia di Nazia, un’adolescente alle prese con un padre che, a seguito di un incidente sul lavoro ha smesso di lavorare per mantenere la famiglia, con una madre che pur di non far morire di fame i figli si fa assumere come donna delle pulizie nelle case “dei ricchi”. Purtroppo i suoi problemi non si risolvono così facilmente perché la Amma da sola non ce la fa a sostenere la famiglia; sarà dunque costretta a portare via Nazia dalla scuola in cui sta per diplomarsi e a farla lavorare con lei come donna delle pulizie. Ma la vita di Nazia
non sarà quella di accettare le decisioni che i genitori hanno preso per lei, non sarà una vita da donna “incastrata” in un matrimonio con un uomo che Amma e Abbu hanno scelto per lei. Alla fine prenderà coraggio e capirà che tutto ciò che le accade non è proprio inevitabile, perché qualche volta si può anche scegliere…

Precedente Consigli di Giugno Successivo Novecento, Alessandro Baricco