Oceano Mare, Alessandro Baricco

Scritto nel 1993, questo romanzo si divide in tre libri. Nel primo libro ambientato nella  Locanda Almayer si intrecciano le vite di svariati personaggi con il proprio passato e le proprie paure. Il tema principale affrontato attraverso diversi punti di vista da tutti i personaggi è il mare: il professor Bartleboom arrivato alla locanda per studiare i limiti del mare, la giovane Elisewin che ha timore di tutto e di tutti accompagnata dal sacerdote Padre Pluche, il pittore Plasson che cerca a tutti i costi
gli occhi del mare e infine  Madame Deverià mandata alla locanda dal marito perché convinto che l’aria di mare guarisca “la malattia dell’adulterio”. Il secondo libro racco il naufragio della Meduse, dove l’equipaggio cerca di salvarsi in una zattera lottando tra di loro arrivando anche al cannibalismo, il tutto viene visto dagli occhi di un membro dell’equipaggio, Savigny. Questo fatto è stato rappresentato anche dal pittore  Théodore Géricault nel dipinto: “La zattera della Medusa”. Il terzo libro infine ci racconta il destino dei personaggi descritti nei due libri precedenti. Uno dei libri più famosi, se non il più famoso di Baricco. In questo romanzo lo stile varia durante il racconto passando da metaforico a poetico e nel secondo libro ad uno stile crudo e diretto. Contemporaneamente anche le emozioni del lettore variano grazie anche ai dialoghi irreali tra i vari personaggi anch’essi, surreali . Arrivati alla fine, il messaggio che ci lascia il libro cambia per ognuno di noi e soprattutto, per riuscire a capire a fondo questo libro, non basta una sola lettura visto che lo stile usato da Baricco in alcuni punti è comprensibile ma in altre veramente complesso.

VOTO: 7.5

Precedente Love toys, Valeria Benatti Successivo La legione dei mostri

2 thoughts on “Oceano Mare, Alessandro Baricco

I commenti sono chiusi.