Spider-Man: Il regno

Sono passati 35 anni. New York è caduta sotto il controllo di un regime chiamato “Il regno”, che ha ripulito la ur-000covercittà da supereroi e criminali.
La polizia è stata sostituita da un gruppo di vigilanti mascherati, gli unici a poterle indossare.
Nessun cittadino può opporsi o manifestare il dissenso sul regno, pena l’incarcerazione o la morte. Su chiunque violi in qualche modo la legge (bambini o anziani) è permesso qualsiasi tipo di violenza da parte delle forze al servizio del sindaco.
Anche il Daily Bugle non è più il giornale di un tempo, è diventato un telegiornale gestito da un magnate che dà più importanza agli ascolti ottenuti che alle notizie date.
Mancano pochi giorni prima che venga attuato il nuovo piano del regno: l’istallazione della “ragnatela”, un campo di forza che ricoprirà tutta la città così da proteggerla da minacce esterne e la criminalità verrà eliminata per sempre.

In questa New York vive un vecchio Peter Parker chur-018e ha da tempo smesso i panni del supereroe, non è più quello di un tempo, in questi 35 anni Peter ha perso le persone a lui più care, la zia May e soprattutto Mary Jane. Ormai è rimasto solo e non ha nessun motivo per vivere, l’unico desiderio è poter raggiungere la sua amata e poterla riabbracciare, fino a quando una notte una vecchia conoscenza bussa alla sua porta dandogli un motivo per indossare nuovamente il costume da Spider-Man.

Il regno è una miniserie di quattro numeri nata da un’idea di Kaare Andrews che è l’autore praticamente di tutto, dai ai disegni passando ai i colori e le chine.⁠Ed è proprio per i disegni e la storia, soprattutto nella prima parte, che alcuni hanno notato una sorta di plagio nei confronti del capolavoro di Frank Miller, Batman: Il ritorno del cavaliere. Altri invece, tra cui Kaare Andrews, hanno dichiarato che la storia è un omaggio all’opera di Miller.ur-110
Per quanto riguarda il futuro distopico ricorda
un’altra opera di Miller, V per Vendetta, e l’opera letteraria 1984 di George Orwell.
Per quanto riguarda i personaggi non vedremo il solito Peter Parker , ma vedremo invece un uomo solo, patetico, che ha perso tutto e che vive del ricordo di Mary Jane vedendola come una sorta di fantasma, un JJJ che cerca in ogni modo di persuadere la città e ribellarsi al regno, un Venom più forte di sempre e, al contrario, un Doc Octopus in versione morto vivente.
Pur avendo molte similitudini con questi lavori, Il regno risulta una bella storia originale e leggibile ed è molto interessante vedere il nostro supereroe e i suoi nemici avanti con l’età e sotto un altro punto di vista.

Precedente Profiler, Massimo Picozzi Successivo Dottor Niù, Stefano Benni

Lascia un commento

*