La vera storia del genio che ha fondato McDonald’s, Kroc Ray e Robert Anderson

Pochi imprenditori possono affermare di aver davvero cambiato la società e il nostro modo di vivere. Ray Kroc, il fondatore della catena di fast food più famosa al mondo, McDonald’s®, è uno di loro. Le sue grandi intuizioni nell’ambito della ristorazione, del franchising, della pubblicità, gli hanno riservato un posto d’onore nell’olimpo degli uomini e delle donne che hanno creato, con le loro imprese, dei veri e propri imperi. In questa autobiografia Ray Kroc racconta i passi decisivi della sua vita, la formazione, le persone che gli sono state vicine, il suo costante impegno nel lavoro, i successi e le inevitabili difficoltà. Il libro non è un’apologia del classico self-made man americano, ma il racconto affascinante e onesto di un uomo capace di trasmettere un grande entusiasmo.

 

 

Non è la classica biografia noiosa, piena di aneddoti poco interessanti. E’ quasi un romanzo, tanto che ti aspetti di leggere alla fine cosa sia successo ai personaggi. Un racconto molto schietto e divertente su come McDonald’s sia stato inventato, come sia cresciuto e come abbia prosperato. Molto interessante è stata la descrizione del processo creativo che ha portato gli edifici McDonald’s a diventare delle macchine da soldi; nulla è lasciato al caso. Tutto all’interno di un McDonald’s è studiato per ottimizzare i tempi, limitare gli sprechi, fare in modo che sia sempre tutto perfetto, pulito e in ordine. E’ un argomento che mi affascina; ha creato l’industria dei panini; ha attinto alle idee dei fratelli McDonald, le ha riviste, adattate e migliorate. Ovviamente non è stato un percorso privo di ostacoli perchè negli anni in cui Ray Kroc è cresciuto il mondo era già in continuo cambiamento.


Comunque vi consiglio di leggerlo, può essere letto come una biografia o come libro motivazionale. Insomma, una piacevole lettura estiva, senza troppo impegno ma che riesce a far riflettere.

Voto: 7

Ti piace questo articolo?
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Lascia un commento

*